Effetti collaterali di anestesia dentale

Ematoma

Il lavoro dentale comporta spesso l’estrazione dei denti o il taglio nel tessuto orale. Poiché questo può essere doloroso dentisti in genere usa anestetici per diminuire il dolore al momento dell’operazione. La maggior parte dei dentisti utilizza l’anestesia locale, che è l’iniezione di agenti che temporaneamente inibiscono i nervi. Alcuni dentisti usano anche l’ossido di azoto, un gas inalatorio che riduce la coscienza riducendo il dolore durante l’operazione.

parestesia

La società Colgate del dentifricio indica che un potenziale effetto collaterale dell’anestesia dentale è lo sviluppo di ematomi. Molte anestetiche dentali vengono somministrate tramite iniezione. Se l’ago pungono o incuriosisce un vascello di sangue può penetrare e raccogliere sotto la superficie della pelle o del tessuto gengivale. Ciò può portare a gonfiore. Anche se doloroso, gli ematomi non sono considerati pericolosi.

Tossicità del SNC

Gli anestetici locali per le procedure dentali sono progettati per intorpidire i tessuti vicini. Poiché richiede tempo per questi indossare, si può verificare paralisi temporanea o intorpidimento nella bocca o nella faccia. Ciò può causare le palpebre o una parte del viso a cadere. Può anche rendere difficile parlare o mangiare. Si consiglia inoltre di prestare attenzione quando si muove la bocca perché è facile mordere involontariamente le guance o la lingua.

Effetti collaterali di ossido nitrico

Secondo la Mayo Clinic, in alcuni casi i composti utilizzati per l’anestesia dentale rapidamente viaggiano verso il flusso sanguigno e vengono assorbiti dal corpo. Questo principalmente colpisce il cervello, portando alla tossicità del sistema nervoso centrale (CNS). La tossicità del SNC può causare eccitabilità insolita e irritabilità accoppiata da un battito cardiaco veloce e difficoltà respiratorie. Può anche causare una maggiore sudorazione e pallore, nonché la sensazione di essere caldo o freddo. I pazienti possono anche sviluppare visione doppia, confusione e in situazioni estreme, convulsioni o crisi epilettiche.

Secondo la rivista Medical Toxicology, l’ossido di azoto può causare una serie di effetti collaterali. Se è troppo usato, può causare l’ipossia, che è una quantità subnormale di ossigeno nel sangue. Un segno di ipossia è la vertigini derivante da un basso flusso di ossigeno al cervello. Può anche causare l’espansione di porzioni di corpo pieno d’aria del corpo, in modo da non essere utilizzata se si presentano obstruzioni intestinali, problemi sinusali o di medio orecchio o un polmone collassato. Infine, l’ossido di azoto danneggia la capacità del tuo corpo di utilizzare la vitamina B12, necessaria per la replicazione cellulare. Come risultato può causare anemia e bassi livelli di globuli bianchi.