Effetti collaterali di boswellia serrata

allergie

Boswellia serrata, conosciuta anche come l’incenso indiano o Salai guggal, è stata utilizzata nei medicinali indiani ayurvedici per secoli per curare l’artrite. Anche se la ricerca moderna mostra risultati promettenti per l’uso di Boswellia serrata in infiammazione e asma, l’impianto presenta effetti collaterali potenziali e non è stato studiato per una sicurezza a lungo termine. Dovresti mostrare cautela se decidi di utilizzare questo rimedio a base di erbe e scegliere la dose più bassa possibile.

Dermatite da contatto

In rari casi, Boswellia può portare a una risposta allergica pericolosa per la vita. Se si verificano dolori al torace, problemi di respirazione, orticaria o gonfiore quando si utilizza un prodotto Boswellia, è necessario contattare immediatamente un medico o recarsi in un pronto soccorso.

Interazioni farmacologiche

Nel 2004 i ricercatori del Dipartimento di Dermatologia dell’ospedale de Cruces della Spagna hanno riferito il caso di un paziente somministrato una crema naturopatica con una resina di gomma derivata da Boswellia serrata che ha successivamente sviluppato la dermatite da contatto dalla crema. La dermatite è stata segnalata anche negli studi clinici presso l’Università di Poona dell’India nei pazienti trattati con Articulin-F, un prodotto combinato contenente resina di gomma da Boswellia serrata e altri ingredienti. Il Database Botanico Dermatologico rileva inoltre che Boswellia usato in intonaci adesivi e profumi ha provocato dermatiti in persone sensibili e un estratto di gengiva dell’impianto applicato alla pelle del coniglio è risultato essere moderatamente irritante.

gastrointestinale

Laboratori e studi sugli animali suggeriscono che Boswellia possa aumentare gli effetti o la tossicità di alcuni farmaci, secondo Aetna Intelihealth. I primi esempi comprendono farmaci usati per trattare l’asma come Singulair, alcuni farmaci antitumorali, integratori di abbassamento del colesterolo come aglio o lievito rosso, agenti antifungini come l’olio di tea tree e integratori usati per curare malattie articolari come la glucosamina o la condroitina. Gli studi di laboratorio indicano anche che Boswellia può ridurre l’efficacia dei relievers anti-infiammatori, come aspirina, ibuprofene e naproxen, e può interagire con immunomodulatori, farmaci disciolti dal fegato, antibiotici, droghe solubili e sedativi. In caso di dubbi, consultare il medico circa i farmaci che stai assumendo e le loro possibili interazioni con Boswellia.

Gravidanza

Anche se generalmente ben tollerato, Boswellia può produrre disagio dello stomaco, nausea, bruciore di stomaco, sensazione di pienezza o diarrea. In uno studio su pazienti affetti da colite ulcerosa, il 18% ha sviluppato disturbi gastrointestinali durante sei settimane di trattamento con 350 milligrammi di Boswellia tre volte al giorno. Se hai una storia di disturbi gastrointestinali o esofagei, devi evitare di prendere Boswellia senza prima consultare il proprio medico.

Una revisione nel 2004 del “Journal of Herbal Pharmacotherapy” ha riportato che Boswellia promuove la mestruazione e può portare a problemi di nascita o effetti di nascita e persino indurre l’aborto. Pertanto, non è consigliabile assumere qualsiasi prodotto contenente Boswellia serrata se sei una donna in gravidanza, allattamento al seno o se hai intenzione di rimanere incinta.