Possibili complicanze della malattia da reflusso acido

Esofagite e ulcere esofagee

La complicanza più comune della malattia da reflusso acido è l’infiammazione dell’esofago, nota come esofagite. L’acido dello stomaco provoca lesioni alle cellule che fanno riferimento all’esofago, portando a sentire il dolore come bruciore di stomaco. Questo non è solo disturbato in sé, ma si dovrebbe pensare all’esofagite come un tampone di lancio per condizioni progressivamente più gravi.

Esercizi di esofageo

Poiché l’infortunio acido-mediato continua nell’esofago, la fodera comincia a rompersi e formano ulcere. Le ulcere sono ferite gravemente infiammate, che sembrano crateri. Se le ulcere esofagee non vengono trattate, possono sanguinare, talvolta profusamente, pertanto il trattamento è fortemente consigliato.

L’Esofago di Barrett

Un’altra complicazione del pregiudizio acido nell’esofago è la cicatrizzazione, con il successivo sviluppo di aree restringenti noti come restrizioni. L’esofago è normalmente un organo elastico che si espande e si contrae per accogliere varie quantità di alimenti solidi e liquidi. Poiché le sue cellule flessibili diventano sostituite da tessuti cicatriziali, l’esofago diventa rigido e ristretto. Quando grave, il cibo si blocca nell’esofago, rendendolo progressivamente più difficile da deglutire. Proprio come un tubo di scarico dell’acquazzone ostruito, quando uno ha una restrizione esofagea, il cibo può sostenere sopra la zona di stenosi e tornare indietro nella gola e nella bocca. Di solito i sintomi causati dalle stenosi si sviluppano gradualmente, a cominciare dall’insidio insorgenza di cibi occasionalmente bloccati nel torace.

Cancro esofageo

Al di là della natura benigna dell’infiammazione continua acidificata dell’esofago si trova un mondo di condizioni potenzialmente precancerose e cancerose. Con lesioni di reflusso persistente, le cellule che normalmente allineano la parte inferiore dell’esofago possono iniziare a essere sostituite da cellule somiglianti a quelle che tipicamente allineano lo stomaco. La presenza di cellule simili allo stomaco nell’esofago è indicata come esofago di Barrett.

Complicanze della malattia da reflusso laringofaringeo

Circa il 5 al 15 per cento delle persone sottoposte a endoscopia per la malattia da reflusso acido si ritrovano ad avere l’esofago di Barrett, secondo un articolo pubblicato a The Lancet nel marzo 2009. Gli uomini in genere sviluppano l’esofago di Barrett due volte più spesso delle donne e è più comune in I maschi bianchi più di 50 anni. Le persone con esofago di Barrett sono molto più propensi a sviluppare l’adenocarcinoma esofageo rispetto a quelli senza la condizione. Secondo un articolo pubblicato nel numero di Giornale di Gastroenterologia del Nord America del giugno 2015, ogni anno circa un paziente di 750 pazienti con esofago di Barrett sarà nuovamente diagnosticato con cancro esofageo.

La complicanza più devastante della malattia da reflusso acido è il cancro esofageo, specificamente adenocarcinoma esofageo. Secondo un articolo del numero di cancro di giugno 2013, l’incidenza di adenocarcinoma esofagea è cresciuta senza precedenti del 650 per cento dal 1975, rendendolo il cancro più rapido in America e in Europa. Mentre diverse altre malattie maligne, come il cancro del polmone, del seno, della prostata e del colon, sono più comuni, il cancro esofageo non è tipicamente diagnosticato fino a una fase relativamente ritardata quando è meno in grado di essere trattato con successo.

Ci sono diverse complicazioni potenziali di LPRD. Le persone con LPRD trattate non trattate o insufficienti hanno una maggiore probabilità di sviluppare l’asma, la stenosi (restringimento) delle corde vocali, i tumori benigni dei cordoni vocali chiamati granulomi, o il cancro della laringe (la scatola vocale) o la faringe (la gola). È importante notare che anche se LPRD è considerato un fattore di rischio per queste condizioni, nessun studio ha dimostrato che LPRD li provoca direttamente.

A causa della possibilità di gravi complicazioni della malattia da reflusso acido, è importante consultare un medico se si hanno sintomi che suggeriscono qualsiasi problema nell’esofago, tra cui bruciore di stomaco, rigurgito o sensazione di cibo che si blocca nella zona del torace. Dovresti anche consultare il medico se ha sintomi che potrebbero essere dovuti a LPRD, come ad esempio una tosse cronica per più di otto settimane, la raucedine, la frequente guarigione della gola o una sensazione di gonfiore nella gola.

Avvertenze