Effetti collaterali di ablazione del cuore

Panoramica

L’ablazione del cuore, noto anche come ablazione cardiaca, è un trattamento che può essere utilizzato per certi tipi di aritmie cardiache. Questa procedura prevede la filettatura di un catetere attraverso i vasi sanguigni finché non arriva al cuore. Il catetere può quindi essere usato per distruggere qualsiasi tessuto anomalo del cuore che sta causando l’aritmia. Questa procedura, come molte procedure chirurgiche, può causare alcuni effetti collaterali.

emorragia

Uno degli effetti collaterali principali dell’ablazione cardiaca è che si può verificare un sanguinamento a seguito della procedura. I pazienti devono aspettarsi qualche emorragia o brividi minori nel sito in cui è inserito il catetere, osserva la Clinica Mayo. Le emorragie o le emorragie possono essere più severe del solito perché molti pazienti vengono messi sui diluenti di sangue prima della procedura per ridurre il rischio di formazione di coaguli di sangue. Sanguinamento grave o lividi richiede l’assistenza medica.

Trauma del sistema cardiovascolare

In alcuni casi il catetere usato per l’ablazione può causare danni strutturali al sistema cardiovascolare, nota Baptist Health. I vasi sanguigni attraverso i quali il catetere è filettato possono diventare raschiati o forati, provocando sanguinamenti interni. Nei casi più gravi il cuore stesso può essere perforato, provocando sanguinamenti interni. In alcuni casi il sangue può raggrupparsi intorno al cuore, causando una condizione nota come tamponazione cardiaca, secondo John Muir Health.

aritmia

In molti casi, il tessuto distrutto durante un’ablazione cardiaca non fa parte del normale sistema di conduzione elettrica del cuore, spiega l’Istituto Texas Arrythmia. Tuttavia, in alcuni casi l’ablazione stessa può interrompere la normale conduzione del cuore, causando nuove aritmie cardiache. I casi gravi possono richiedere l’impianto chirurgico di un pacemaker permanente.

Coaguli di sangue

Le procedure che coinvolgono il sistema cardiovascolare possono causare coaguli di sangue in quanto il battito cardiaco viene rallentato mediante anestesia durante la procedura, che può promuovere la coagulazione delle cellule del sangue. Inoltre, il catetere può interrompere la circolazione, con conseguente formazione di coaguli di sangue. I coaguli di sangue possono causare dolore localizzato e gonfiore se si verificano nelle vene. Questi coaguli di sangue possono anche migrare nelle arterie, dove possono causare un infarto o un ictus.

La limitazione delle vene che trasportano sangue ossigenato dai polmoni al cuore è un comune effetto collaterale dell’ablazione cardiaca, osserva John Muir Health. A volte questa condizione non provoca alcuna malattia funzionale circolatoria, ma in casi più gravi, può portare a mancanza di respiro e una tosse cronica, poiché il sangue ritorna nei polmoni. I casi gravi possono essere trattati mettendo uno stent nelle vene polmonari.

Stenosi delle vene polmonari